SE UN CLIENTE SI SENTE AL CENTRO DELL’ATTENZIONE TORNA VOLENTIERI DAL PROPRIO OTTICO OPTOMETRISTA. Eai??i?? QUANTO CERCO DI TRASMETTERE AI MIEI COLLABORATORI.

Dì che ti piace questo articolo!

STEFANO PANZERIai??i?? TITOLARE OTTICA PANZERI

Cornate d’Adda (MB), 13 marzo 2013

Come A? nata lai??i??idea dellai??i??imprenditoria in ottica?

La storia della mia attivitAi?? parte da molto lontano, da mio nonno Angelo Panzeri, che negli anni successivi alla seconda guerra mondiale lavorava a Milano alla Caproni, unai??i??azienda che realizzava aeroplani da guerra e civili.

Mio nonno conobbe un orologiaio, che aveva un piccolo negozio in via ladyera Plinio a Milano. Egli consegnA? a mio nonno dei piccoli oggetti (orologi, braccialetti e collanine ) e gli disse: Ai??Vendili al tuo paeseAi??. CosAi?? cominciA? a visitare le famiglie di Cornate dai??i??Adda in bicicletta, frazioni e cascine incluse. Lai??i??attivitAi?? crebbe, mio nonno aprAi?? un piccolo negozio in casa e riuscAi?? anche a comprarsi un’automobile.

Successivamente mia madre, Ornella Panzeri, cominciA? a lavorare con lui e prese il diploma di ottica nel 1964 in una Scuola del Comune di Milano, perciA? allai??i??attivitAi?? di oreficeria si affiancA? lai??i??attivitAi?? di ottica.

Nel 1965 mia madre sposA? Romano Panzeri; anche mio padre, di professione disegnatore meccanico, cominciA? a lavorare nel negozio di famiglia.

Nel 1969 i miei genitori acquistarono un bel negozio nel centro del paese di Cornate d’Adda in via Volta e questo permise di acquisire nuovi clienti e l’attivitAi?? di oreficeria e ottica andava a gonfie vele. La storia proseguirebbe ma non voglio dilungarmi oltre.

Io cominciai a lavorare nel negozio di famiglia saltuariamente nel 1984 e a tempo pieno dal 1987, stimolato dai miei genitori. Nel frattempo studiavo conseguendo la MaturitAi?? Scientifica nel 1985, il diploma di ottico nel 1986 presso la scuola civica in via Paravia a Milano e il diploma di optometrista nel 1989 presso l’Istituto Superiore di Scienze Optometriche gestito dall’Acofis.

Esercito la professione di ottico optometrista lady-era pills dal 1989 a Cornate d’Adda.

Nel 1989 la mia famiglia ha fatto un importante investimento ampliando il negozio con uno studio per l’attivitAi?? professionale.

Fino al 2001 ho lavorato insieme ai miei genitori nel negozio di ottica e oreficeria, anno in cui abbiamo deciso di distinguere le due l’attivitAi??. Io personalmente gestisco, con le mie collaboratrici, il punto vendita di via Volta dedicato all’attivitAi?? di ottica.

Un ampio spazio A? dedicato per i due terzi alla vendita e al laboratorio, un terzo A? dedicato allo studio per l’attivitAi?? professionale (esame della vista, applicazione lenti a contatto, rieducazione visiva ).

Crisi dei consumi dellai??i??ultimo biennio, cambiamento delle dinamiche di mercatoai??i?? hanno influito sul settore dell’ottica nella Sua zona?

La crisi ha colpito tutti i settori, io penso che i negozi di ottica della mia zona siano stati interessati ma non in modo significativo. Penso che il danno maggiore per le nostre attivitAi?? possa arrivare femile viagra contrareembolso dalla decisione delle multinazionali di chiudere alcuni codici di acquisto e privare alcuni negozi di alcune marche di montature che sono molto richieste dalla clientela.

Ritengo che Federottica, il nostro sindacato, debba farsi carico di questo problema.

Ha preso/prenderAi?? provvedimenti per essere competitivo?

Ho continuato a mettere in atto delle strategie di vendita e/o di marketing con maggior convinzione.

Ecco come mi sono comportato:

- fornitura di prodotti personalizzati e il piA? possibile vicini alle esigenze online pharmcy dei clienti come lenti a contatto su misura, lenti graduate su montature avvolgenti, ausili per ipovedenti, scelta di montature adatte ai visi di qualsiasi dimensione (visi eccessivamente grandi o eccessivamente piccoli ). Nella scelta di lenti oftalmiche non mi limito a una o due aziende, ma preferisco rivolgermi a diversi produttori, perchAi?? ogni azienda ha prodotti di qualitAi?? su alcune tipologie, ma non riesce a soddisfare tutte le esigenze.

- Ho ricordato ai clienti che la nostra A? un’attivitAi?? storica distribuendo un volantino, che A? stato realizzato nel 2011 in occasione dei 60 anni di attivitAi??, con lo slogan ai???1951-2011 DA 60 ANNI CON VOIai???, dove compare una foto molto antica di mio nonno e di mia mamma dietro al banco del primo negozio, una foto di mio padre al lavoro, una foto di mia sorella insieme a me e alcune immagini delle mie collaboratrici.

- Ho partecipato al progetto ai???Educazione alla Visioneai??? di Federottica gestito da Giorgio Bollani, che ha permesso di farmi conoscere all’interno della Scuola Elementare. Molti insegnanti e genitori chiedono oggi la mia consulenza per affrontare problematiche visive incontrate durante l’attivitAi?? scolastica. In tal senso ho approfondito le problematiche collegate allai??i??apprendimento e collaboro con laureati in psicologia.

- Mi sono confrontato con numerosi colleghi, partecipando a Congressi e corsi di aggiornamento, per affrontare casi particolari che incontravamo nello svolgimento della nostra professione.

Questa collaborazione ha portato alla pubblicazione del libro ai???Dal benessere visivo al benessere globaleai??? Casa Editrice Marna autori Panzeri Stefano, Zannardi Renzo e Zanardi Graziano. La pubblicazione ha costituito occasione per approfondire il rapporto tra visione e postura e creare un importante legame tra la professione dell’Ottico Optometrista e altre professioni sanitarie come il posturologo, l’osteopata e l’odontoiatra. Secondo gli autori del libro per affrontare e risolvere alcuni casi particolari occorre un approccio multidisciplinare grazie alla collaborazione di diversi professionisti.

- Partecipo attivamente alle manifestazioni che si svolgono nel centro storico del paese, per esempio quella natalizia. In questo modo rafforzo la presenza sul territorio.

- Mi avvalgo di una collaboratrice specializzata nella scelta dei prodotti maggiormente influenzati dalla moda, come occhiali da vista e da sole.

- Cerco di stabilire un rapporto il piA? corretto possibile con i miei clienti ascoltando le loro esigenze. Se un cliente si sente al centro dellai??i??attenzione, torna volentieri dal proprio ottico optometrista. Cerco di trasmettere questo ai miei collaboratori.

Sulla base delle Sue esperienze quali caratteristiche ritiene oggi indispensabili per il Centro Ottico?

Essenzialmente quattro:

- professionalitAi?? e competenza tecnica;

- conoscenza dei clienti e acquisto prodotti vicini alle loro esigenze;

- presenza nel proprio territorio;

- collaborazione con professionisti capaci e competenti a cui indirizzare i propri clienti con fiducia per qualsiasi necessitAi??.

[custom_author=stefanopanzeri]

Facebook Comments